Verifiche fiscali

Le indagini finanziarie rappresentano, tra i molteplici strumenti di cui dispone l’amministrazione finanziaria, quello che potenzialmente permette la maggior efficacia investigativa nella lotta all’evasione fiscale.
È evidente, infatti, come il Fisco possegga un’arma dal carattere altamente invasivo della sfera patrimoniale del contribuente, tanto invasivo da costringere il legislatore a occuparsi con grande attenzione di come regolamentarne le procedure .

La normativa sulle indagini finanziarie cerca di realizzare un equo contemperamento tra l’interesse privato alla riservatezza, e l’interesse pubblico al conseguimento del gettito erariale e alla repressione dell’evasione.
E’ fuor di dubbio, il ruolo essenziale che possono svolgere le indagini finanziarie per ricostruire la capacità contributiva del contribuente, in grado di  fornire dati certi e non contestabili  e validi supporti di prova per la sua quantificazione.
Di fatto, però, l’ingresso di un organo verificatore in azienda è un evento che di solito suscita una forte apprensione nei responsabili degli adempimenti fiscali e amministrativi: nella molteplicità degli obblighi formali e sostanziali (pagamento delle imposte) stabiliti dalla normativa in materia tributaria, è molto frequente trovarsi esposti al rischio che organi verificatori, Guardia di finanza o ispettori dell’Agenzia delle entrate, possano evidenziare inadempienze o errori di applicazione delle norme fiscali. La possibilità di commettere tali errori è ulteriormente elevata per le frequenti modifiche legislative e difficoltà di interpretazione delle norme, relative agli adempimenti sia formali che sostanziali. È quindi di grande rilievo evidenziare la puntuale normativa che il legislatore ha stabilito relativamente all’attività di verifica da parte dell’Amministrazione finanziaria.

L’art. 32 del D.P.R. del 29 settembre 1973, n. 600 e l’art. 51 del D.P.R. del 26 ottobre 1972, n. 633, attribuiscono agli Uffici Finanziari poteri in ordine all’acquisizione di dati ed elementi rilevanti ai fini della determinazione della base imponibile direttamente nei confronti dei contribuenti cui si riferisce il controllo (invito degli stessi a comparire negli Uffici anche per esibire o trasmettere atti o documenti, invio di questionari, ecc.) ovvero nei confronti di terzi (richiesta di notizie e comunicazioni ad organi ed Amministrazioni dello Stato, richiesta di copie o estratti di atti depositati presso  notai, richiesta di conti bancari e postali, ecc.).
Le norme che, invece,  regolano il potere di eseguire accessi, ispezioni, verificazioni, ricerche ed ogni altra rilevazione ritenuta utile per l’accertamento delle imposte – e che saranno oggetto di trattazione del presente lavoro –  sono contenute nell’art. 52 D.P.R. del 26/10/1972, n. 633 e succ. mod. ed integrazioni (relativo all’IVA) applicabile, altresì, alle II.DD., grazie al rinvio contenuto nell’art. 33 del D.P.R del 29 settembre 1973, n. 600.

-Accessi ed ispezioni (art. 52 del D.P.R. n. 633/1972 e art. 33 del D.P.R. n. 600/1973)
Si tratta di controlli che possono essere relativi all’esame di un registro specifico (ad esempio registro dei corrispettivi per i commercianti al dettaglio); sono quindi di breve durata, di solito esauriti nell’arco di mezza giornata o qualche ora, al quale segue un processo verbale che può essere negativo oppure rilevare infrazioni. Possono anche riguardare tutta la documentazione reperibile presso l’azienda e relativa e tutti gli adempimenti fiscali (verifica). L’accesso può avvenire anche presso altri enti (Pubblica amministrazione, istituti di credito, amministrazione postale, ecc.), con apposita autorizzazione, al fine di reperire dati e informazioni utili ai fini del controllo.

Controlli documentali (art. 32 del D.P.R. n. 600/1973)
Si tratta di richieste di informazioni e documentazione o registri contabili, di solito svolti presso l’Ufficio stesso (ad esempio controllo ex art. 36-ter del D.P.R. n. 600/1973 sulle dichiarazioni dei redditi).

Verifiche
Il legislatore usa tale termine, per la prima volta, con il D.P.R. 26.10.1972, n. 633, all’art. 52 (accessi, ispezioni e verifiche), ma non ne dà una definizione. In realtà è  un controllo specifico, che si concretizza in una serie di operazioni, svolte da soggetti giuridicamente qualificati, volte a controllare il regolare adempimento delle norme tributarie.
La verifica è sostanzialmente finalizzata all’acquisizione ed al reperimento di ogni elemento utile all’accertamento dei redditi, dell’Iva e dei tributi indiretti, nonché alla repressione delle violazioni e si esplica mediante ispezioni documentali e rilevamenti vari interessanti l’attività del contribuente e si conclude con la compilazione di determinati atti con le prescritte procedure e modalità.
Può essere eseguita nei confronti di qualunque persona fisica, giuridica, società di persone o ente che abbia posto in essere attività in relazione alle quali le norme tributarie pongono obblighi o divieti la cui inosservanza è sanzionata in via amministrativa e/o penale.

[ continua a leggere l’articolo in pdf ]

Maurizio Villani
16@avvocato.it
No Comments

Post A Comment

0
Connecting
Please wait...
Invia un messaggio

Ci dispiace, non siamo on line.
Lasciate un messaggio.

* Nome
* Email
* Messaggio
Login

Hai bisogno di aiuto?
Attiva una chat.

* Nome
* Email
Siamo on line !
Feedback

Aiutaci a migliorare! Puoi lasciare qualsivoglia commento.

Come valuti il servizio?
Luigi Ulissi
Fondatore Avvocato.it

Mi occupo di consulenza ed assistenza legale nell’ambito del diritto civile con maggiore interesse alle successioni, al diritto alimentare ed all’e-commerce.
Sono specializzato anche nel diritto ambientale cura con preminenza i settori dei rifiuti e degli scarichi.
Ho maturato, altresì, esperienze internazionali per aver svolto in Cina il ruolo di consulente.
Sono iscritto da venti anni all’Albo degli Avvocati di Roma al n. A22271.
Tel.: +0632110173 – Mob.: +39 339 339 3733


Avvocato.it
Fondatore & Responsabile del Legal Team
Nel 1996 ho ideato e creato il portale Avvocato.it.

Ulissi & Partner Studio legale
Managing Partners
E’ stato fondato nel 1996 con sede a Roma. Ulissi & Partner ed è sinonimo di consulenza personalizzata e di soluzioni orientate alla pratica, basi sulle quali poggiano il nostro successo e la fiducia dei nostri clienti.
Soddisfiamo le esigenze dei nostri clienti ed elaboriamo soluzioni efficaci nella formazione del team di lavoro, dei tempi di risposta e di budget.
Per ogni mandato disponiamo di un gruppo di lavoro competente e dinamico in grado di rispondere alle richieste più esigenti.

Contatti

Power by

Download Free AZ | Free Wordpress Themes