Il commercio elettronico

Il commercio elettronico

Transazioni on line: il mercato in casa
La locuzione “commercio elettronico” riporta ad Internet ed all’acquisto di beni o servizi effettuato on line con carta di credito attraverso un processo telematico.
Internet ha provocato mutamenti radicali nella nostra vita quotidiana e sta cambiando il modo di fare business: stando seduti davanti ad un computer si possono incontrare potenziali venditori o acquirenti che risiedono dall’altra parte del globo.
Aziende di tutto il mondo entrano in contatto con consumatori altrimenti difficilmente raggiungibili, ed i consumatori stessi accedono ad un numero illimitato di informazioni commerciali, servizi e prodotti, arrivando così ad ottenere ciò che meglio soddisfa le proprie esigenze al prezzo più vantaggioso.
La possibilità di risparmiare fatica, tempo e denaro fa parte delle attrattive dell’e-commerce e la sua espansione ha coinciso con la capillare diffusione di Internet negli uffici, nelle case e nelle scuole.
Le transazioni commerciali si articolano, nella loro accezione più generale, in tre fasi: l’offerta di un bene o di un servizio, l’autenticazione dei contraenti (venditore ed acquirente), il pagamento e la consegna.
Anche per il commercio elettronico lo schema è il medesimo, ma il bene o il servizio vengono presentati attraverso immagini su pagine Web, l’autenticazione ed il pagamento avvengono su piattaforme virtuali e la consegna del bene può essere effettuata, in base alla sua natura, in maniera diretta, on line (nel caso di acquisto di beni digitali o di servizi) o tramite i normali canali di spedizione.
Una definizione “istituzionale” di commercio elettronico viene offerta dal ministero dell’Industria, del Commercio e dell’Artigianato: “l’e-commerce consiste nello svolgimento di attività commerciali e di transazioni in via elettronica e comprende attività diverse quali: la commercializzazione di beni e servizi per via elettronica, la distribuzione on line di contenuti digitali, l’effettuazione per via elettronica di operazioni finanziarie in borsa, gli appalti pubblici per via elettronica e altre procedure di tipo transattivi della Pubblica Amministrazione”. [Circ. Min. 1 giugno 2000, n. 3487/C].

Contratto informatico o cibernetico ?
I contratti informatici si possono schematizzare in tre tipologie
1 – Contratti ad oggetto o contenuto informatico: a) hardware (contratti di vendita, locazione, leasing), b) software (acquisto di software già esistente o progettato su richiesta dell’utente),
c) contratti di licenza d’uso, contratti di affidamento a terzi dell’attività di acquisizione, elaborazione e diffusione di dati, appalto servizi informatici , contratti di fornitura di siti informatici , contratti di manutenzione, contratti di fornitura dei servizi e di assistenza ai programmi etc.
2 Contratti conclusi con strumenti informatici: contratti cibernetici, cioè contratti conclusi automaticamente (persona e computer o tra computer e parti contrapposte e in questo caso la formazione della volontà è opera del computer senza alcun intervento umano),contratti telematici: la proposta e l’accettazione provengono direttamente dal contraente ma sono trasmessi per via telematica.

Continua a leggere l’articolo in pdf

Se la soluzione non è qui, contattaci

Non esitare, siamo a tua disposizione

Email

Esponi il tuo caso allegando, se del caso, anche dei documenti.

Telefono

Una rapida interazione con gli avvocati del nostro team senza costi.

Chat

On line ora, al passo con i tempi, per soddisfare le tue esigenze.

Appuntamento

Prenota da pc, tablet o smartphone. Paga on line o all'appuntamento.