L’informativa all’interessato: termini e modalità

L’informativa all’interessato: termini e modalità

Ai sensi e per gli effetti dell’art. 12, paragrafo 1 le informazioni da trasmettere all’interessato dovranno essere fornite in forma concisa, trasparente, intellegibile e facilmente accessibile, con un linguaggio semplice e chiaro.
L’informativa è data, in linea di principio, per iscritto e preferibilmente in formato elettronico; sono ammessi «altri mezzi» fermo restando il rispetto dei caratteri dell’informativa.

Il Regolamento ammette l’uso di icone per presentare i contenuti dell’informativa in forma sintetica, ma solo «in combinazione» con l’informativa estesa; tali icone dovranno rispettare i canoni formali definite prossimamente dalla Commissione Europea.
L’informativa deve essere fornita all’interessato prima di effettuare la raccolta dei dati.
Qualora i dati non siano raccolti direttamente presso l’interessato, l’informativa deve contenere anche le categorie dei dati personali oggetto di trattamento.

In tutti i casi, il titolare deve specificare la propria identità e quella dell’eventuale rappresentante nel territorio italiano, le finalità del trattamento, i diritti degli interessati ivi compreso il diritto alla portabilità dei dati, quali sono i destinatari dei dati e, se esiste, i responsabile del trattamento in uno all’identità di quest’ultimo (artt. 13 e 14).

Se la soluzione non è qui, contattaci

Non esitare, siamo a tua disposizione

Email

Esponi il tuo caso allegando, se del caso, anche dei documenti.

Telefono

Una rapida interazione con gli avvocati del nostro team senza costi.

Chat

On line ora, al passo con i tempi, per soddisfare le tue esigenze.

Appuntamento

Prenota da pc, tablet o smartphone. Paga on line o all'appuntamento.