Avvocato.it

Cassazione penale Sez. V sentenza n. 18646 del 14 aprile 2017

Cassazione penale Sez. V sentenza n. 18646 del 14 aprile 2017

Testo massima n. 1

Ai fini della integrazione del reato di atti persecutori [ art. 612 bis cod. pen. ] non si richiede l’accertamento di uno stato patologico ma è sufficiente che gli atti ritenuti persecutori – e nella specie costituiti da minacce, pedinamenti e insulti alla persona offesa, inviati con messaggi telefonici o, comunque, espressi nel corso di incontri imposti – abbiano un effetto destabilizzante della serenità e dell’equilibrio psicologico della vittima, considerato che la fattispecie incriminatrice di cui all’art. 612 bis cod. pen. non costituisce una duplicazione del reato di lesioni [ art. 582 cod. pen. ], il cui evento è configurabile sia come malattia fisica che come malattia mentale e psicologica.

Se la soluzione non è qui, contattaci

Non esitare, siamo a tua disposizione

Email

Esponi il tuo caso allegando, se del caso, anche dei documenti.

Telefono

Una rapida interazione con gli avvocati del nostro team senza costi.

Chat

On line ora, al passo con i tempi, per soddisfare le tue esigenze.