Le opposizioni a decreto ingiuntivo dopo la sentenza della Cassazione n. 19246

Le opposizioni a decreto ingiuntivo dopo la sentenza della Cassazione n. 19246

Riguardo il tema dell’opposizione a decreto ingiuntivo, molto scalpore ha destato la sentenza n. 19246 /2010, Sezioni Unite, della Corte di Cassazione. Sarà utile ripercorrere brevemente l’evoluzione giurisprudenziale circa la spinosa questione accennata, prima di approfondire la tematica.
Articoli di dirittoL’art. 645, II comma, c.p.c. recita: “ in seguito all’opposizione il giudizio si svolge secondo le norme del procedimento ordinario davanti al giudice adito, ma i termini di comparizione sono ridotti della metà”. Cosa affermava la giurisprudenza fino alla citata decisione del 9 settembre 2010? Veniva precisato che: “il termine di costituzione dell’opponente viene ridotto alla metà solo quando costui si fosse avvalso della facoltà di indicare un termine di comparizione inferiore a quello ordinario (costante orientamento, da Cass. 12.10.1955 n. 3053 fino a Cass. 3355/1987, id. 2460/1995, 3316 e 12044/1998, 942/2006)”.
Pertanto, la giurisprudenza dalla Corte superiore era granitica nell’affermare che i termini di costituzione dell’opponente si dimezzavano ex lege solo se venivano ridotti i termini a comparire dell’opposto.La novità della sentenza n. 19246 risiede nel fatto che la stessa precisa: “non solo i termini di costituzione dell’opponente e dell’opposto sono automaticamente ridotti alla metà in caso d’effettiva assegnazione all’opposto di un termine a comparire inferiore a quello legale, ma che tale effetto automatico è conseguenza del solo fatto che l’opposizione sia stata proposta, in quanto l’art. 645 c.p.c. prevede che in ogni caso di opposizione i termini a comparire siano ridotti a metà”.
Quindi, solo per il fatto di aver presentato opposizione a decreto ingiuntivo, la parte formalmente attrice deve costituirsi entro il 5° giorno dalla notifica a parte resistente. Cosa è successo a seguito della citata sentenza? E’ accaduto che alcuni Tribunali di merito hanno giudicato irricevibili le opposizioni, dunque confermando la validità del decreto opposto ( ovviamente scatenando le proteste degli avvocati coinvolti nella diatriba).
Altri Tribunali hanno ritenuto applicabile il principo del tempus regit actum, così “convalidando” anche le costituzioni effettuate dopo il 5° giorno.

[ continua a leggere l’articolo in pdf ]

Se la soluzione non è qui, contattaci

Non esitare, siamo a tua disposizione

Email

Esponi il tuo caso allegando, se del caso, anche dei documenti.

Telefono

Una rapida interazione con gli avvocati del nostro team senza costi.

Chat

On line ora, al passo con i tempi, per soddisfare le tue esigenze.

Appuntamento

Prenota da pc, tablet o smartphone. Paga on line o all'appuntamento.