Osservatorio permanente sull’applicazione delle regole di concorrenza

Osservatorio permanente sull’applicazione delle regole di concorrenza

a cura di Ambrogio Visconti.

L’Università di Trento – sotto la direzione scientifica ed il coordinamento del Prof. Gian Antonio Benacchio (professore ordinario di Diritto Privato dell’UE nell’Università di Trento) e del Dr. Michele Carpagnano (Dottore di ricerca in Diritto Privato Comparato) – ha sviluppato il primo osservatorio italiano sull’applicazione delle regole di concorrenza.
Il Progetto, realizzato dal Dipartimento di Scienze Giuridiche dell’Università di Trento e cofinanziato dalla Commissione Europea, avvalendosi della collaborazione di docenti universitari, di magistrati, di avvocati nonché di esperti e studiosi del diritto e dell’economia della concorrenza a livello nazionale ed internazionale, nasce con l’intento di promuovere la conoscenza del diritto comunitario e nazionale antitrust e delle sue modalità di enforcement.
Oltre a promuovere una serie di incontri di approfondimento, l’Osservatorio Permanente sull’Applicazione delle Regole di Concorrenza (www.osservatorioantitrust.eu) si avvale di una piattaforma on line dotata di una serie di strumenti di studio tra cui un archivio news, una newsletter settimanale, un repertorio di legislazione ed una banca dati che costituisce la prima raccolta italiana on-line di giurisprudenza antitrust.
Il database di giurisprudenza antitrust – diretto dal Dr. Massimo Scuffi e dalla Dr.ssa Marina Tavassi, entrambi consiglieri della Corte di Cassazione, coadiuvati da un Comitato scientifico di cui sono membri l’Avv. Gennaro d’Andria (Eversheds Bianchini), il Prof. Aldo Frignani (Univesrità di Torino), la Dr.ssa Luisa Napolitano (Consiglio Superiore della Magistratura), il Prof. Roberto Pardolesi (LUISS), l’ Avv. Alberto Pera (Gianni, Origoni, Grippo & Partners) e  l’Avv. Enrico Adriano Raffaelli (Rucellai & Raffaelli) – comprende tutti i provvedimenti emessi dal 1991 al 2008 raccolti e messi a disposizione dell’Osservatorio nell’ambito del progetto di formazione dell’Istituto Regionale di Studi Giuridici del Lazio “A.C. Jemolo” che ha deciso di fornire questo importante ed originale contributo nell’ottica esclusiva di favorire l’aggiornamento e lo studio della giurisprudenza italiana in materia di diritto della concorrenza.

Abbiamo intervistato il professor Benacchio ideatore dell’Osservatorio:

Professore, quali sono gli obiettivi dell’osservatorio?
L’Osservatorio si propone l’obiettivo principale di studiare il fenomeno dell’applicazione delle regole nazionali e comunitarie di concorrenza e di promuoverne una maggiore conoscenza tra tutti gli attori interessati e, in primo luogo, i giudici nazionali.

Quali attività avete in programma per il prossimo anno?
Continueremo l’attività di alta formazione rivolta ai giudici nazionali, implementeremo alcune nuove funzionalità della pagina web tra cui l’e-learning e continueremo la raccolta e la sistematizzazione delle sentenze nazionali e degli stati membri in materia antitrust.

Consentire il confronto ed il dibattito sulla normativa è uno degli obiettivi dell’Osservatorio. Quali ritiene essere le criticità attualmente più rilevanti per lo sviluppo di una cultura giuridica dell’antitrust in Italia?
In Italia, ma anche in altri Stati Membri, si registra ancora una poco diffusa conoscenza delle regole comunitarie e nazionali di concorrenza a cominciare anche dalle stesse Facoltà di Giurisprudenza. Credo che bisogna partire da lì per lo sviluppo di una solida cultura giuridica delle regole di concorrenza in Italia.
L’osservatorio rappresenta una risposta concreta al bisogno di approfondimento sul tema del diritto della concorrenza in Italia in grado di offrire spunti di approfondimento e fondamentali documenti di studio per gli operatori.

Se la soluzione non è qui, contattaci

Non esitare, siamo a tua disposizione

Email

Esponi il tuo caso allegando, se del caso, anche dei documenti.

Telefono

Una rapida interazione con gli avvocati del nostro team senza costi.

Chat

On line ora, al passo con i tempi, per soddisfare le tue esigenze.

Appuntamento

Prenota da pc, tablet o smartphone. Paga on line o all'appuntamento.