Tar Perugia – Legge Pinto – il Ministero dell’Economia tenuto al pagamento

Il T.A.R. di Perugia con la sentenza n. 320/2011 ha stabilito che il Ministero dell’Economia e delle Finanze è il soggetto legittimato passivo ai pagamenti dei decreti emessi dalle Corti d’Appello per illegittima durate dei processi (c.d. Legge Pinto).
Secondo i Giudici Amministrativi il pagamento di tutti gli indennizzi conseguenti all’applicazione della L. n. 89/2001(c.d. Legge Pinto) può ritenersi legislativamente concentrato presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze, al fine di “razionalizzare le procedure di spese ed evitare maggiori oneri finanziari”, ad opera dell’art. 1 comma 1225 L. 27 dicembre 2006 n. 296; questo perché l’ultimo periodo di detto comma 1225 prevede misure organizzative proprio per fronteggiare gli adempimenti di cui al precedente comma 1224, recante appunto alcune modifiche alla ridetta L. n. 89/2001; per le ragioni sin qui esposte, si ritiene che il Ministero dell’Economia e delle Finanze sia l’unico organo cui la legge attribuisce il potere – dovere di effettuare i pagamenti degli indennizzi ex. L. n. 89/2001, prescindendo da quale sia l’organo di volta in volta convenuto in giudizio e condannato ai sensi della legge stessa: infatti il debitore è lo Stato, quale persona giuridica unitaria, indipendentemente dall’identità dell’organo che ha resisitito nel giudizio conclusosi conil decreto del quale si chiede l’ottemperanza”.

Se la soluzione non è qui, contattaci

Non esitare, siamo a tua disposizione

Email

Esponi il tuo caso allegando, se del caso, anche dei documenti.

Telefono

Una rapida interazione con gli avvocati del nostro team senza costi.

Chat

On line ora, al passo con i tempi, per soddisfare le tue esigenze.

Appuntamento

Prenota da pc, tablet o smartphone. Paga on line o all'appuntamento.