Avvocato.it

Cassazione penale Sez. V sentenza n. 32363 del 30 settembre 2002

Cassazione penale Sez. V sentenza n. 32363 del 30 settembre 2002

Testo massima n. 1

La deroga alla sospensione dei termini processuali nel periodo feriale è prevista nell’interesse esclusivo dell’indagato [ o dell’imputato ] che si trovi in stato di custodia cautelare ed è preordinata alla rapida definizione del giudizio, in correlazione con la tutela della libertà personale, con la conseguenza che spetta all’indagato ed al suo difensore il diritto di rinunciare alla sospensione dei termini e consentire al giudice di procedere anche durante il periodo feriale. Detta rinuncia può essere anche tacita quando possa essere desunta da condotte ed iniziative implicitamente significative della volontà dell’indagato di rinunciare alla sospensione dei termini. [ Nella specie la tacita rinuncia è stata desunta nell’ipotesi in cui, validamente notificato l’avviso, ex art. 415 bis, c.p.p., alla persona sottoposta alle indagini, quest’ultima abbia fatto richiesta di essere sottoposta ad interrogatorio, presentandosi al P.M., accompagnata dal difensore, in periodo di sospensione feriale ]

Testo massima n. 2

La richiesta di rinvio a giudizio è nulla ex art. 416, comma 1, c.p.p. [ nel testo novellato dall’art. 2, comma 2, della legge 16 luglio 1997, n. 234 ] se non preceduta dall’avviso di conclusione delle indagini preliminari completo degli avvertimenti di cui all’art. 415 bis, comma 3, c.p.p., ma la detta nullità non ricorre nell’ipotesi in cui detto avviso sia validamente notificato all’indagato e l’interrogatorio non abbia poi, di fatto, avuto luogo in quanto quest’ultimo, pur essendosi presentato, si sia rifiutato di rispondere.

Se la soluzione non è qui, contattaci

Non esitare, siamo a tua disposizione

Email

Esponi il tuo caso allegando, se del caso, anche dei documenti.

Telefono

Una rapida interazione con gli avvocati del nostro team senza costi.

Chat

On line ora, al passo con i tempi, per soddisfare le tue esigenze.