Avvocato.it

Cassazione penale Sez. V sentenza n. 29505 del 4 agosto 2005

Cassazione penale Sez. V sentenza n. 29505 del 4 agosto 2005

Testo massima n. 1

Costituisce valido atto interruttivo della prescrizione l’avviso di deposito degli atti effettuato ai sensi dell’art. 415 bis c.p.p., contenendo il detto avviso l’avvertimento che l’indagato ha facoltà di chiedere di essere sottoposto a interrogatorio ed essendo pertanto equiparato, ex lege [ come si desume dall’art. 416 c.p.p. ], all’invito a presentarsi previsto dall’art. 375 c.p.p. ed espressamente ricompreso tra gli atti interruttivi della prescrizione elencati nell’art. 160 c.p. [ Mass. redaz. ]

Testo massima n. 2

L’avviso di deposito degli atti di cui all’ art. 415 bis c.p.p. costituisce valido atto interruttivo della prescrizione, considerato che esso deve, tra l’altro, contenere «l’avvertimento che l’indagato ha facoltà di chiedere di essere sottoposto ad interrogatorio» il quale integra la causa interruttiva prevista dall’art. 160, comma secondo, c.p. — costituita dall’invito «a presentarsi al P.M. per rendere l’interrogatorio» — originariamente riferibile solo alla previsione di cui all’art. 375 c.p.p. ed a seguito della modifica dell’art. 416, comma primo, c.p.p. [ novellato dall’art. 17 della L. n. 479 del 1999 ] riferibile anche all’art. 415 bis c.p.p.

Se la soluzione non è qui, contattaci

Non esitare, siamo a tua disposizione

Email

Esponi il tuo caso allegando, se del caso, anche dei documenti.

Telefono

Una rapida interazione con gli avvocati del nostro team senza costi.

Chat

On line ora, al passo con i tempi, per soddisfare le tue esigenze.